Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

New York “Il caffè più bello del mondo”

Foto da web

Stucchi dorati, colonne tortili, dipinti e lampadari veneziani: la sala al piano terra di questo caffè, recentemente restaurato, è semplicemente mozzafiato. Certo per chi lo ricordi prima dei restauri resta un po’ di nostalgia per i vecchi tavolini in marmo e per le patine fumose, ma è una nostalgia in parte risarcita dall’ottimo servizio offerto dall’attuale gestione Boscolo. Servizi d’argento e camerieri professionali rendono la sosta al New York  un appuntamento da non perdere.

La fortuna di questo caffé, soprannominato ” Il più bello del mondo” si lega a quella del suo fondatore Max Aufricht un insegnante squattrinato che nel 1870 approdò nella capitale con un solo  fiorino d’argento nelle tasche.  Grazie ad un incontro a Parigi con il direttore della compagnia d’assicurazioni a New York fu il primo ad estendere la rete in Ungheria e, visto il successo decide di fondare  a Budapest una sede amministrativa su quattro piani, il primo adibito a caffé. IL progetto è affidato all’architetto Alajos Hauszmann che gli imprime uno stile eclettico con colonne tortili e una grande scalinata centrale.

L’inaugurazione – 23 ottobre 1894 -vide la partecipazione dei più grandi intellettuali che ne fecero il proprio ritrovo. La leggenda racconta che  Ferenc Molnár gettò nel Danubio le chiavi del caffè affinché rimanesse aperto giorno e notte.

Nacquero i tavoli letterari della rivista letteraria Nyugat e  della direzione del Pesti napló.

 

La crisi del New York è arrivata con le guerre mondiali e ha avuto il suo apice neglia nni ’50 quando il caffè venne trasformato in un negozio per lo sport. Nel 1954 il caffè è risorto ribattezzato Hungária, ma la sua crisi è durata fino agli anni ’90.

You must be logged in to post a comment Login